Cosa c'è nella valigetta 'Pulp Fiction'?

Richiesta

La valigetta recuperata da Vincent Vega e Jules Winnfield nel film Pulp Fiction conteneva l'anima del loro capo, Marsellus Wallace.

Valutazione

Leggenda Leggenda A proposito di questa valutazione

Origine

Molto dibattito ruota intorno al contenuto della valigetta nel film di Quentin Tarantino del 1994 Pulp Fiction. Una teoria che è stata diffusa via e-mail ed è prominente su Internet è la seguente:

Se siete tutti come me, allora non avevate idea di cosa ci fosse nella valigetta di Pulp Fiction. Quindi, tramite un amico di un amico di un amico che ha avuto una conversazione di due ore con lo stesso Quentin Tarantino, ora lo so, e ho pensato di trasmettere le informazioni perché rende il film anche 100 volte migliore di quanto non sia già.



Ricorda la prima volta che sei stato presentato a Marsellus Wallace. Il primo colpo di lui fu alla nuca, completo di cerotto. Quindi, ricorda la combinazione di
il lucchetto della valigetta era 666. Quindi, ricorda che ogni volta che qualcuno apriva la valigetta, brillava ed erano stupiti di quanto fosse bella erano senza parole. Ora, porta un po 'di conoscenza della Bibbia e ricorda che quando il diavolo prende la tua anima, la prende dalla parte posteriore della tua testa.



Sì, hai indovinato. Qual è la cosa più bella di una persona: la sua anima. Marsellus Wallace aveva venduto la sua anima al diavolo e stava cercando di ricomprarla. I tre bambini all'inizio del film erano gli aiutanti del diavolo. E ricorda che quando il ragazzo alla fine è uscito dal bagno con un 'cannone a mano', Jules e Vincent non sono stati danneggiati dai proiettili. 'Dio è sceso e ha fermato i proiettili' perché stavano salvando un'anima. È stato un intervento divino.

[Nota: in nessun punto della Bibbia è affermato che 'quando il diavolo prende la tua anima, la prende dalla parte posteriore della tua testa'.]



Tuttavia, che questa interpretazione provenisse direttamente da Tarantino è in conflitto con altri conti. Secondo Tarantino A to Zed: The Films of Quentin Tarantino:

Tarantino ha ammesso che non c'è ufficiale spiegazione dietro il contenuto della valigetta e che è stato semplicemente scritto nella sceneggiatura come un intrigante McGuffin.

E da Roger Ebert's Domande per il film Answer Man arriva la seguente dichiarazione di Pulp Fiction coautore Roger Avery:



In origine la valigetta conteneva diamanti. Ma sembrava troppo noioso e prevedibile. Così è stato deciso che il contenuto della valigetta non si sarebbe mai visto. In questo modo ogni membro del pubblico riempirebbe lo spazio vuoto con i propri contenuti finali. Tutto quello che dovevi sapere era che era 'così bello'. Nessun maestro di oggetti di scena può inventare qualcosa di meglio dell'immaginazione di ogni individuo. Almeno questa era l'idea originale. Poi qualcuno ha avuto la brillante idea (che penso sia stata un errore) di mettere una lampadina arancione lì dentro. All'improvviso ciò che avrebbe potuto essere qualsiasi cosa divenne qualcosa di soprannaturale. Non c'era bisogno di spingere l'effetto. La gente ne avrebbe discusso per anni comunque, e sarebbe stato molto più sottile. Non posso credere di stare davvero parlando di essere sottile.

Ci sono state molte altre teorie su ciò che è contenuto nella misteriosa valigetta. Un concorso gestito da Toronto Star per decidere i contenuti ha prodotto diverse risposte popolari:


  • L'Oscar che Quentin Tarantino spera di vincere

  • Una testa umana

  • L'orecchio da Le Iene

  • L'altro guanto di O.J.

  • L'altro guanto di Michael Jackson

  • I diamanti della rapina in Le Iene

  • Il naso di Rudolph

Il vincitore del concorso ha affermato che era un omaggio a Robert Aldrich Baciami mortalmente, che ruota attorno a un'altra valigetta, splendente perché conteneva una piccola bomba nucleare. Tarantino sostiene che la somiglianza fosse puramente casuale, sebbene a quanto pare l'idea gli piacesse.